Header

Vivere con carenza di ferro

La vita in Svizzera è buona. Le donne e i bambini svizzeri che soffrono di carenza di ferro o sintomi di carenza di ferro (da esaurimento, disturbi di concentrazione, svogliatezza e umore depressivo a vertigini, insonnia, tensione al collo, mal di testa, perdita di capelli o anemia; nei bambini anche ADHD) possono superare i loro problemi grazie alla terapia endovenosa del ferro.

Questo piccolo paese nel cuore dell’Europa è un pioniere in termini di salute. Helvetia, la proverbiale “Madre Svizzera”, è sia un innovatore dinamico che un pioniere globale del ferro. Ha riconosciuto che le donne hanno livelli di ferro fino a 8 volte inferiori a quelli degli uomini adulti a causa delle mestruazioni e dei bambini a causa della loro crescita. E lei sa: non appena questa differenza naturale viene compensata, nella maggior parte dei casi i reclami scompaiono. Le cifre* sono impressionanti: il 65% di tutti i pazienti sono più sani in modo sostenibile grazie a un trattamento appropriato; il 21% riferisce di benefici selettivi. E solo il 14% dice di non aver notato alcun cambiamento dei sintomi.

Helvetia sa anche che il ferro, che viene somministrato sotto forma di compresse o succo, non contrasta i sintomi di carenza in modo sufficientemente efficace.

Le casse malati svizzere pagano volentieri le cure di base elementari. Perché lo sanno: Grazie alla terapia del ferro, ci sono persone più sane a costi inferiori. Più di 1 milione di pazienti con carenza di ferro e bambini in Svizzera sono già stati trattati con successo con infusioni di ferro.

Questo rende il sistema siderurgico svizzero una parte indispensabile del sistema sanitario svizzero.

La via alla terapia del ferro in Svizzera.

Ci siamo.

* Tutte le informazioni secondo www.eurofer.ch

Think global

La Svizzera è quindi leader nella diagnosi e nella cura della carenza di ferro e, grazie al suo obbligo di assicurazione sanitaria, il sistema siderurgico svizzero è in piedi da oltre 20 anni. In Svizzera è nata l’Unione di ferro dell’UE.

È quindi giunto il momento che anche altri paesi condividano il lavoro pionieristico dell’Helvetia, il sapere e il successo svizzero. Dovrebbero aderire all’Unione europea. L’Organizzazione svizzera della sanità in ferro SIHO manifesta una visione non dissimile dalla fondazione del Comitato internazionale della Croce Rossa CICR – un’altra conquista svizzera: il sistema siderurgico svizzero deve diventare un modello globale e attivo.

Per il SIHO una cosa è certa: le donne e i bambini con carenza di ferro hanno diritto alla salute attraverso il ferro non solo in Svizzera.

I primi centri siderurgici al di fuori della Svizzera sono già stati istituiti in Germania, Austria e Russia. Questa rete deve essere ampliata e seguiranno altri paesi. Grazie al sistema siderurgico svizzero, donne e bambini di tutto il mondo potranno sperimentare cosa significa salute.

La politica Svizzera

La politica svizzera svolge un ruolo centrale in questo caso. Affinché il sistema siderurgico svizzero possa diventare un modello internazionale dinamico nei prossimi 10 anni, il SIHO dipende dalla collaborazione del governo svizzero. Solo con il sostegno dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) sotto la guida del consigliere federale Alain Berset, del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) sotto la guida del consigliere federale Ignazio Cassis e del medico umano e, non da ultimo, del Dipartimento federale di economia, educazione e ricerca (WBF), diretto dal consigliere federale Guy Parmelin, il trasferimento di know-how e l’accettazione politica possono avere successo oltre confine.

Tuttavia, poiché sono soprattutto le donne a subire le conseguenze negative della carenza di ferro tra gli adulti, il SIHO conta almeno altrettanto sull’empatia e la forza delle rappresentanti del governo femminile – la consigliera federale Simonetta Sommaruga (capo del Dipartimento federale dell’ambiente), Trasporti, energia e comunicazioni DATEC), la consigliera federale Viola Amherd (capo del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport DDPS) e la consigliera federale Karin Keller-Sutter (capo del Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP).

Perché: Una grande idea svizzera ha il potenziale per migliorare la vita di innumerevoli donne e bambini – e quindi anche degli uomini – in modo sostenibile ed economico, perché anche loro beneficiano naturalmente del fatto che la parte femminile della popolazione e i bambini sono sani.

 

PS: Per impedire ai politici svizzeri di sottrarre la responsabilità globale attraverso una porta di servizio e di sacrificare i loro obblighi di assicurazione sanitaria per la terapia endovenosa del ferro nel proprio paese, è possibile firmare qui una petizione online per la sua conservazione.

Carenza di ferro - cosa fare?

La mestruazione nelle donne e la crescita nei bambini sono le cause più comuni di carenza di ferro. Se non ricevono il ferro, spesso rimangono malati. Vengono ripetutamente chiarite inutilmente, trattate in modo errato e spesso anche psichiatrate in modo errato. Questo cambia non appena viene fornita la compensazione endovenosa del ferro.

L’argomento può essere affrontato in molti modi diversi: